Federica Pellegrini, chiedimi se sono felice o invidioso?

ledecky-200pellegriniFederica Pellegrini ha vinto tanto ma anche perso molto in 13 anni di carriera internazionale e più.
Dopo le Olimpiadi era naturale che potesse smettere ed invece ha vinto lei a non farlo; i fuoriclasse sono così, impossibile studiarli.
Il loro essere sta proprio nell’appartenere ad una categoria a parte che è un mix di attitudine fisica e mentale che non è racchiudibile e studiabile in nessun modello.

Da ragazzo studiai statistica e rimandendo allora stupito del concetto di intervallo di confidenza: i valori estremi si chiamano limiti di confidenza.
I classici esercizi consistevano in test per verificare la bontà di un’ipotesi.

A ieri pomeriggio l’ipotesi che la Pellegrini si trovasse sul gradino più alto del podio, più che di un test aveva bisogno di una preghiera a Loudes o Fatima.
Ma la Fede ha spostato i limiti e a 15 metri dall’arrivo l’intervallo di confidenza ha coperto tutti e 50 i metri della vasca. Oro.

La dimostrazione di questo non è la sua faccia e reazione bensì quella della  Katie Ledecky che praticamente da buona cannibale sembrava avere la faccia di Eddy Merckx quando arrivava secondo alla Coppa Bernocchi

Praticamente una donna distrutta (si fa per dire) che esclama: “ma da dove è sbucata questa nonna”. La nonna vinceva mentre lei forse faceva una rana a 7 anni.

Nonna Fede, non troverà mai pace al di là delle dichiarazioni di circostanza: sarà sempre un vulcano capace di incendiare se stessa dopo aver incendiato di gioia il 50% degli italiani e crepare di invidia l’altro cinquanta.

Perciò Fede è inutile che mi chiedi se sono felice!

Federica Pellegrini, chiedimi se sono felice o invidioso?ultima modifica: 2017-07-27T16:31:33+00:00da prev78
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento