La “verità” tra Epica, Roger Federer e Brunori Sas

federer-lacrime

 

 

 

 

        La verità degli Australian Open edizione 2017 sta tutta in quelle 3 ore e 37 minuti della finale tra Roger Federer e Rafael Nadal.

Non c’è neanche bisogno che vi dica come si è conclusa: oramai lo sa il mondo intero che Roger Federer è diventato maggiorenne con i suoi 18 slam all’attivo.

Una partita epica che mi fa tornare indietro di 25 anni quando Epica la studiavo in prima liceo e come in un ricordo lontano catturo le parole ed i significati che allora mi sfuggivano per gioventù e soprattutto pigrizia mentale.
L’epica:
è fondamentalmente una narrazione di battaglie gloriose tra contendenti del passato ed il perno di tutto ciò sono le figure che lo compongono, ovvero gli eroi, che Rafael Nadal e Roger Federer interpretano al meglio contrapponendosi l’un l’altro come in una memesi precostituita.
Achille (Roger) tipicamente quello più forte e astuto contro Ettore (Nadal) noto per la sua devozione ascetica alla fatica ed alla sua patria notevolmente e spesso ricordata con i suo vamos!
In questo senso la vittoria di uno si rafforza nell’altro: non me ne abbia Dimitrov ma con lui la vittoria di ieri non sarebbe stata “epica” ma solamente notevole o poco più che celebrativa del ritorno di Roger il grande. L’eroe è tale proprio perchè sconfigge la sua memesi terrena alla quale lo contrappone la storia fin dal 2004 quand il maiorchino lo battè da fresco vincitore degli AO e che da li in avanti sarebbe rimasto la sua bestia nera (in una finale slam non succede da Wimbledon 2007)

La “verità”:
è una recente canzone in classifica di Brunori Sas che ora in parecchi cominciano a conoscere. Ed è proprio il testo di questa canzone che ho ascoltato ieri sera in macchina venendo a Milano incarna al meglio la partita della mattina.

La verità come dice Roger Federer è che “poco più di un anno fa ho pensato di ritirarmi. Poi una mattina mi sono svegliato con la voglia di tornare a divertirmi e a giocare alla cosa che faccio oramai da tanti anni”
Non ci credevi neanche tu Roger nel quinto dopo un break ed un medical time out ma la verità è che sul 3 a 1 “non vuoi cambiare, che non sai rinunciare a quelle quattro, cinque cose a cui non credi neanche più.”
Allora la raddrizzi e mandi all’inferno il diavolo che ti insegue da una vita è che sarà sempre il tuo Agassi mentre tu sarai sempre Pistol Pet Sampras perchè ti “fa paura scomparire e l’idea che tutto quello a cui ti aggrappi prima o poi dovrà morire”

Non te ne andare, portami con te con i tuoi 73 vincenti di ieri e quel rovescio che ha trovato finalmente pace dopo aver rincorso tanto quelle maledette palle alte in top.

Te ne sei accorto si che senza di te non si può stare?!

Te ne sei accorto sì,
che parti per scalare le montagne
e poi ti fermi al primo ristorante
e non ci pensi più.
Te ne sei accorto sì,
che tutto questo rischio calcolato
toglie il sapore pure al cioccolato
e non ti basta più.

Ma l’hai capito che non serve a niente
mostrarti sorridente
agli occhi della gente
e che il dolore serve
proprio come serve la felicità.

Te ne sei accorto sì,
che passi tutto il giorno a disegnare
quella barchetta ferma in mezzo al mare
e non ti butti mai.

Te ne sei accorto no,
che non c’hai più le palle per rischiare
di diventare quello che ti pare
e non ci credi più.

Ma l’hai capito che non ti serve a niente
sembrare intelligente
agli occhio della gente
e che morire serve
anche a rinascere.

La verità
è che ti fa paura l’idea di scomparire,
l’idea che tutto quello a cui ti aggrappi prima o poi dovrà
finire.

La verità
è che non vuoi cambiare,
che non sai rinunciare a quelle quattro, cinque cose
a cui non credi neanche più.

La verità
è che ti fa paura
l’idea di scomparire,
l’idea che tutto quello a cui ti aggrappi prima o poi dovrà
morire.

La verità
è che non vuoi cambiare,
che non sai rinunciare a quelle quattro, cinque cose
a cui non credi neanche più.

La “verità” tra Epica, Roger Federer e Brunori Sasultima modifica: 2017-01-30T15:27:22+00:00da prev78
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento